Contenuto sponsorizzato

Solidarietà internazionale, Mattarei: ''Un passo indietro smantellarla'', Ianeselli: ''Tagli vergognosi''

La cooperazione internazionale garantisce alla provincia una grande autorevolezza. Ora si rischia di far saltare accordi, fiducia e credibilità costruiti in tanti anni di lavoro. Un Trentino che rischia di gettare al vento una legge innovativa e lo slogan "Aiutiamoli a casa loro" che resta tale, una bandiera e niente più

Di Luca Andreazza - 10 luglio 2019 - 18:36

TRENTO. "La cooperazione e la solidarietà internazionale è una conquista politica dell'autonomia trentina, che va oltre le sensibilità e i colori", questo il commento di Marina Matterei, numero uno della Federcoop, sull'ipotesi di abolire la quota di 0,25% inserita nella manovra di assestamento di bilancio (Qui articolo).

 

Una presa di posizione pesante, quella della Federazione della cooperazione. "La riflessione è di natura politica e esprimiamo preoccupazione - aggiunge la presidente - tecnicismi a parte si tratta di un obiettivo molto sfidante che va in allineamento con le richieste delle Nazioni unite. Il Trentino si è sempre dimostrato lungimirante in questo senso, invidiato a livello internazionale". 

 

Si deve puntare sul coordinamento per migliorare il comparto, che intanto si è compattato in Farete e si è sempre speso per dialogare, invano, con l'assessore Spinelli per cercare di trovare le giuste soluzioni (Qui articolo).

 

"Questa capacità di dedicare pensiero politico alle attività di cooperazione internazionale è un patrimonio assolutamente da salvaguardare - evidenzia Mattarei - un mattone che ha portato il Trentino con grandissimo anticipo sulle altre nazioni. Una grande conquista che sarebbe un passo indietro smantellare. E' necessario costituire un tavolo per individuare strade, percorsi e strumenti in grado di consentire una migliore e più precisa rendicontazione per valutare i progetti e la loro efficacia anche in termini di capacità di portare sviluppo".

 

Dopo le associazioni del comparto (Qui articolo), ma anche le dure prese di posizione delle opposizioni e delle Acli (Qui articolo), le realtà di cooperazione e solidarietà internazionale incassano il pieno appoggio della Federcoop. Anche la Cgil si esprime per rivedere l'ipotesi di abolire lo 0,25%.

 

Se il provvedimento dovesse passare, la decisione passerebbe nelle mani dell'esecutivo, la giunta provinciale, che in base alle risorse disponibili, potrebbe stabilire annualmente in sede di manovra o assestamento di bilancio la quota da destinare a questo settore, già colpito dal taglio da 5 milioni di euro.

 

"I tagli sulla cooperazione internazionale sono vergognosi", non usa giri di parole Franco Ianeselli, segretario della Cgil, che aggiunge: "Si prova a distruggere la cooperazione internazionale trentina, un vanto per la nostra comunità, che sostiene altri popoli in difficoltà. Volevano 'aiutarli a casa loro' e invece vogliono renderci piccoli, egoisti e cattivi 'a casa nostra'. Serve un fronte comune".

 

Il tema della cooperazione internazionale è un settore davvero strategico per il Trentino, tanto da riservare una quota non inferiore allo 0,25% delle entrate annuali facendolo riconoscere a livello internazionale per i tanti interventi portati avanti.

 

Aiuti umanitari che nel tempo si sono trasformati in collaborazioni di sviluppo bilaterale. La cooperazione internazionale garantisce alla provincia una grande autorevolezza e credibilità internazionale, tanto che dalla nostra Provincia possono partire iniziative di politica estera. Ora si rischia di far saltare accordi, fiducia e credibilità del territori costruiti in tanti anni di lavoro. Un Trentino che rischia di gettare al vento una legge innovativa e lo slogan "Aiutiamoli a casa loro" che resta tale, una bandiera e niente più. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

22 ottobre - 13:03

“Non può esserci nessuna discontinuità con l’esecutivo precedente mantenendo le leggi più rappresentative del governo Lega-M5s”. Così i Dem roveretani chiedono l’abolizione dei decreti sicurezza firmati dall’ex ministro dell’interno Matteo Salvini

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato