Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, continua la riorganizzazione del sistema sanitario: altri 80 posti letto Rsa Covid tra Volano e Tione, mentre drive through spostato a Trento Sud

Ai 20 posti attualmente disponibili nella struttura di Volano, sono stati ricavati altri 60 spazi, mentre ulteriori 20 posti letto sono stati individuati a Tione. L'assessora Segnana: "Purtroppo in questi ultimi giorni assistiamo a un progressivo aumento dei contagi, anche in strutture residenziali"

Foto di Piero Falco per Apss
Di Luca Andreazza - 09 ottobre 2020 - 18:50

TRENTO. Sono 100 i posti letto per ospitare eventuali pazienti dalle Rsa che hanno contratto il coronavirus. "Purtroppo in questi ultimi giorni - commenta l'assessora Stefania Segnana - assistiamo a un progressivo aumento dei contagi, anche in strutture residenziali".

 

Ai 20 posti attualmente disponibili nella struttura di Volano, sono stati ricavati altri 60 spazi, mentre ulteriori 20 posti letto sono stati individuati alla casa di riposo di Tione.

 

"Oltre alle persone in Rsa  risultate positive - aggiunge l'assessora - i posti letto vengono utilizzati anche per assistere pazienti fragili contagiati e dimessi dalle strutture ospedaliere o provenienti dal territorio che richiedono cure temporanee in un contesto protetto".

 

La disponibilità di questi posti comporta un finanziamento di circa 550.000 euro, già coperti nell'ambito delle risorse 2020 del bilancio dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari. 

Cessata la funzione di Rsa Covid, la struttura di Tione viene poi convertita in un nucleo di cure intermedie. A entrambe le strutture viene riconosciuto il finanziamento a partire dalla messa a disposizione della struttura e indipendentemente dall’occupazione del posto.

 

Questa fase dell'emergenza è particolarmente delicata, i contagi sono in costante aumento e riguarda un po' tutte le fasce di età. Oggi sono stati comunicati 39 nuovi positivi: 7 minorenni (4 sotto i 5 anni e gli altri 3 tra i 6 e i 15 anni) e 9 over 70. Salgono invece a 25 i pazienti ricoverati nelle strutture ospedaliere, nessuno in terapia intensiva (Qui articolo). 

 

E' il focolaio della Rsa a Montagnaga di Pinè che viene monitorato in modo particolare, ma qualche positivo è emerso in altre strutture. Dopo aver riaperto il reparto Covid all'ospedale di Rovereto, prosegue la riorganizzazione dell'Apss per far fronte a un eventuale e ulteriore aumento dei contagi. "Nella case di riposo - dice Segnana - si procede con i test rapidi per ottenere il risultato più facilmente, isolare e trasferire i pazienti". 

 

Preoccupa anche l'evoluzione dei contagi nel Comune di Cembra Lisignago dove, dall'inizio di settembre, sono stati registrati oltre una sessantina di contagi. Un focolaio ricollegabile a una festa di laurea ma ora il contagio si è esteso altrove e allora scattano obblighi, divieti e raccomandazioni (Qui articolo).

 

Da lunedì 12 ottobre il drive thorugh tamponi di Trento si sposta dalla attuale sede di via Briamasco 2 al parcheggio del PalaTrento in via Fersina. Il tendone viene allestito nella stessa area che ospita il drive through vaccinazioni antinfluenzali ma sul lato opposto del parcheggio.

L'accesso è su appuntamento: le persone che necessitano di un tampone per accertare la positività al virus o per certificare la fine dell’isolamento vengono contattate dalla Centrale covid Apss per fissare l’appuntamento. Il test viene effettuato restando seduti in macchina. E' importante che le persone si presentino puntuali all’ora fissata, portando la tessera sanitaria e indossando la mascherina che andrà abbassata al momento dell’esame per scoprire solo in naso.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato