Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Ianeselli sospende la campagna elettorale: ''Serve senso di responsabilità, aumenterò l'uso delle nuove tecnologie''

A causa dell'emergenza coronavirus, Ianeselli decide così di sospendere gli incontri pubblici per rispettare le norme e le indicazioni messe in atto per contenere i contagi: "La politica, qualunque politica deve essere mossa sempre dal principio di responsabilità. In certi momenti, se necessario, anche quasi scomparendo. E' un principio che il Trentino conosce perfettamente"

Di Luca Andreazza - 09 marzo 2020 - 12:02

TRENTO. "Ho deciso di sospendere da subito ogni attività pubblica legata alla campagna elettorale". Così Franco Ianeselli, candidato sindaco per Trento di centrosinistra, Patt e Italia Viva, che aggiunge: "Questo per adeguare i nostri e miei comportamenti alle indicazioni della scienza e alle disposizioni nazionali di prevenzione. Le nuove tecnologie consentono a tutti noi forme di contatto e di confronto anche senza la necessità d’incontrarci fisicamente".

 

A causa dell'emergenza coronavirus, Ianeselli decide così di sospendere gli incontri pubblici per rispettare le norme e le indicazioni messe in atto per contenere i contagi. "Cercherò di intensificare le telefonate - prosegue il candidato sindaco - le videoconferenze e le email, restando in dialogo con tutti in attesa di conoscere le scelte che riguarderanno lo svolgimento della campagna e delle elezioni".

 

E' un momento difficile e complicato per il continuo aumento dei contagiati, anche sul nostro territorio (Qui articolo). "La politica, qualunque politica - evidenzia Ianeselli - deve essere mossa sempre dal principio di responsabilità. In certi momenti, se necessario, anche quasi scomparendo. E' un principio che il Trentino conosce perfettamente: l’ha conosciuto con l’alluvione del ‘66, con la tragedia di Stava, con Vaia. Anche oggi siamo chiamati a esercitare quel principio, anteponendo a tutto la salute dei cittadini e il futuro collettivo di questa terra".

 

Da qui la decisione di compiere un passo indietro e continuare la campagna in modo più tecnologico in attesa che l'emergenza possa essere archiviata. "Sono assolutamente convinto - continua il candidato sindaco del centrosinistra, Patt e Italia Viva - che l’autonomia trentina abbia le potenzialità per dimostrare concrete capacità di scelta, tutelando principalmente chi opera nel settore sanitario e sociale a ogni livello, sforzandosi anche di immaginare gli scenari dei prossimi mesi".

 

Non mancano alcune proposte di intervento rivolte alla Provincia per trovare soluzioni idonee a fronteggiare anche i contraccolpi economici. "Anche per venire incontro alle famiglie, ai lavoratori e alle imprese – evidenzia Ianeselli - chiedo di valutare con urgenza la possibilità di sospendere temporaneamente le tariffe per i servizi essenziali (acqua, luce e gas). Serve una stretta collaborazione tra tutti i 'decisori pubblici' per elaborare un piano di investimenti da attivare non appena possibile per rilanciare l’economia del territorio".

 

Intanto però è necessario assumere comportamenti adeguati per mantenere i livelli di sicurezza. "In attesa di questo - conclude Ianeselli - è necessario che tutta la comunità, famiglie, lavoratori e imprese, possa contare su azioni di sostegno, di accesso a modalità intelligenti di lavoro, e di supporto nell’affrontare le necessità fondamentali. Sono certo che, se restiamo uniti e ognuno attiva il senso del dovere nei confronti di tutti, le difficoltà di questi giorni verranno superate e ben presto il Trentino potrà tornare ad essere, insieme all’Alto Adige, uno dei motori del ritrovato sviluppo del nostro Paese".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato