Contenuto sponsorizzato

Movida, l’appello del sindaco Ianeselli: “Assembramenti inaccettabili, serve più responsabilità”

Il Comune è pronto a intervenire con misure ad hoc, ma il sindaco Ianeselli lancia un appello ai giovani della movida: “La salute di tutti passa in questo momento anche dal vostro senso di responsabilità, abbiamo il dovere di proteggere la nostra comunità da un virus pericoloso che ha rialzato la testa”

Di Tiziano Grottolo - 04 October 2020 - 12:03

TRENTO. Dopo l’ennesimo assembramento di giovani in strada anche il nuovo sindaco di Trento interviene sulla vicenda. Un problema noto da tempo ma che Franco Ianeselli punta a risolvere “perché – spiega – c’è il diritto a passare il sabato sera con gli amici bevendosi due birre ma oggi c’è soprattutto il dovere di tutti di proteggere la nostra comunità da un virus pericoloso che ha rialzato la testa”.

 

Le immagini d’altronde parlano chiaro: centinaia di giovani si danno appuntamento ogni fine settimana nella zona tra via Ferruccio Francesco, via Livio Marchetti, vicolo San Marco e via Santa Maria Maddalena. Urla e schiamazzi che proseguono fino alle prime ore dell’alba impedendo ai residenti di riposare.

 

“Questi assembramenti di centinaia di persone quasi sempre senza mascherina non sono accettabili anche per una ragione di salute pubblica”, spiega Ianeselli che ha voluto rivolgere un appello a giovani e giovanissimi: Il Comune è pronto a intervenire con misure ad hoc, ma prima di interventi repressivi io sento di rivolgermi ai ragazzi, perché la salute di tutti passa in questo momento anche dal loro senso di responsabilità”.

 

Il sindaco di Trento ha in programma un nuovo incontro con gli esercenti: “Ho già avuto dei colloqui con la nuova associazione Lume che riunisce gli esercenti della Trento notturna, da parte loro c’è piena consapevolezza dell’importanza dei rischi che si corrono in questa fase sul fronte dei contagi. Allo stesso tempo c’è un problema storico nel rapporto con i residenti che va risolto”.

 

Effettivamente, come segnalato da alcuni residenti, non sempre i gestori dei locali possono intervenire sulla situazione visto che alcune zone del centro storico sono diventate un punto di ritrovo a prescindere dai locali e alcuni ragazzi si portano gli alcolici direttamente da casa. Ianeselli comunque sembrerebbe aver scelto la via della mediazione: “Considerando l’andamento dei contagi non escludo che a livello nazionale intervengano con norme più restrittive, da parte nostra ci impegniamo per far rispettare le regole già in vigore, ai giovani però chiedo maggior responsabilità anche e soprattutto per la questione sanitaria: è necessario proteggere chi è più fragile e rischia di pagare le conseguenze più pesanti”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

20 January - 19:17

Il 21 gennaio 1921 il Partito socialista italiano, riunito a Livorno per il XVII Congresso, si spaccò. Una componente fuoriuscita fondò il Partito comunista d'Italia, forza che avrebbe segnato la storia del '900 italiano. Quella rottura fu però anche il sintomo della difficoltà a leggere il presente, con il fascismo che l'anno successivo avrebbe preso il potere. Lo storico Marcello Flores: "Nel momento in cui serviva maggiormente unità, ci si frantumò sulla rivoluzione. Ma la prospettiva rivoluzionaria era scomparsa"

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato