Contenuto sponsorizzato

Sanità, criticità negli ospedali trentini. A Cles se ne va il direttore di Ginecologia? Il Patt: ''Preoccupazione dai territori per la situazione del sistema sanitario''

Il Patt, con i consiglieri Demagri e Dallapiccola, ha deciso di interrogare la Giunta. Ora, se fosse confermata la notizia che riguarda il primario dell'Unità operativa di Ginecologia, sarebbe un ulteriore colpo all'ospedale di Cles, dove peraltro è stato appena riaperto il punto nascite, ma anche un altro campanello d'allarme di come in ambito sanitario qualcosa non sta andando per il verso giusto

Di Giuseppe Fin - 17 March 2022 - 16:12

CLES. Non sembra aver pace la Sanità in Trentino, dalla ormai cronica carenza di infermieri al problema dei medici che decidono di andarsene a quelli che si avviano, invece, alla pensione e non vengono sostituiti. Il nuovo caso arriva da Cles e ancora una volta a portarlo all'attenzione della Giunta provinciale è il Patt con la capogruppo Paola Demagri e il consigliere Michele Dallapiccola.

 

In questi giorni pare, spiegano i due rappresentanti del Patt “che siano arrivate le dimissioni volontarie da parte del Direttore dell’Unità operativa di Ginecologia dell’Ospedale di Cles e che tale notizia sia stata tenuta riservata”. Una situazione che andrebbe ad aggiungersi a quella di Chirurgia che è sempre stata sollevata da Demagri e Dallapiccola in passato e che aveva portato, poco dopo i documenti presentati in Consiglio provinciale, all'intervento della Pat.

 

Ora, se fosse confermata la notizia che riguarda il primario dell'Unità operativa di Ginecologia, sarebbe un ulteriore colpo all'ospedale di Cles, dove peraltro è stato appena riaperto il punto nascite, ma anche un altro campanello d'allarme di come in ambito sanitario qualcosa non sta andando per il verso giusto.

 

Primari che mancano e diversi dirigenti generali cambiati in un breve periodo, basterebbe guardare quello che sta accadendo per comprendere che i problemi della sanità trentina partono da chi la guida politicamente. “Nel gestire la sanità abbiamo bisogno di politici che non guardano al loro immediato tornaconto. Abbiamo bisogno di persone che capiscono quanto siano importanti le risorse umane che abbiamo” aveva spiegato a ilDolomiti nel luglio scorso il presidente dell'Ordine dei Medici Marco Ioppi sottolineando che “Quello a cui stiamo assistendo è una situazione che è figlia di una mancata programmazione che risale al passato”. (QUI L'ARTICOLO)

 

Nel corso degli ultimi anni sono ormai un numero elevatissimo gli atti politici portati avanti  dai consiglieri Demagri e Dallapiccola che sono stati presentati sulla situazione della Sanità in Trentino. “Spesso – spiega Demagri - sono anche serviti per attivare la Giunta a tamponare in emergenze le situazioni che si sono create. Poche settimane fa avevamo interrogato la Giunta sulla situazione relativa alla situazione del reparto di chirurgia dell’ospedale di Cles (QUI L'ARTICOLO) anche perché pochi giorni prima c’era stato un incontro fra l’assessora Segnana e i dirigenti dell’Apss con i Sindaci della Val di Non. Ora notizia che arriverebbe da Ginecologia dimostrerebbe che la situazione a Cles tuttavia non è migliorata e anzi si cerca di tenere riservata”.

 

Purtroppo ci si troverebbe, anche nel caso del direttore dell’Unità operativa di Ginecologia dell’Ospedale di Cles, alla necessità da parte della Giunta a tamponare le situazioni di criticità. 

 

“Da parte nostra – scrivono nell'interrogazione i due esponenti del Patt, Paola Demagri e Michele Dallapiccola – chiediamo alla Giunta di sapere se corrisponde al vero che siano state presentate le dimissioni volontarie da parte del Direttore dell’Unità operativa di Ginecologia e capire anche quando sarà nominato il sostituto”. Resta comunque, concludono. “La grossa preoccupazione dei territori per la strada che sta prendendo il sistema sanitario trentino, che sembra in affanno e abituato a rincorrere i problemi anziché ad anticipare le soluzioni”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 5 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 July - 17:45
Il Cai Alto Adige esprime la propria vicinanza alle vittime dei famigliari e delle persone ancora disperse dopo il tragico avvenimento avvenuto [...]
Montagna
06 July - 17:10
Troppe polemiche dopo la tragedia della Marmolada, l’appello del soccorso alpino: “Cerchiamo tutti di imparare da questo grande dolore e dalla [...]
Cronaca
06 July - 19:39
Sono 7 gli alpinisti ricoverati negli ospedali del Trentino e del Veneto. In miglioramento i pazienti accolti nelle strutture ospedaliere del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato