Contenuto sponsorizzato

Il VIDEO. Coronavirus, “La tua incoscienza coinvolge anche altri”, l’appello del soccorso alpino. Ecco perché è importante rimanere a casa

Un video per ricordare alle persone di rispettare le regole, il soccorso alpino: “Nonostante sia difficile rimanere a casa, è importante continuare a farlo per non esporre sé stessi e gli altri a inutili rischi”

Di Tiziano Grottolo - 06 aprile 2020 - 09:57

TRENTO. Un messaggio di quelli importanti che non nasce per puntare il dito ma per ricordare che in questo momento d’emergenza è bene rispettare le regole. Un avvertimento che vale per tutti e che può contribuire ad evitare molti problemi. Come è noto, il Trentino è stato duramente colpito dall’epidemia di coronavirus, dall’inizio della pandemia sono stati registrati ben 3042 contagi e purtroppo anche 217 vittime (dati 5 aprile).

 

Eppure c’è chi, in barba alle restrizioni e con poco senso civico, continua a infrangere le norme. Così c’è chi si permette di andare a fare una scampagnata con gli sci, approfittando delle piste vuote, oppure c’è persino chi pensa di andare fuori pista, aggiungendo al rischio di farsi male anche quello di provocare una valanga (QUI articolo). Se non sono lo snowboard o gli sci anche un’escursione può finire male, come nel caso del 50enne che si è perso nel bellunese, rimanendo bloccato sopra salti di roccia a 1.700 metri di quota circa (QUI articolo).

 

 
In questi casi il problema è che quella che in tempi normali quella sarebbe un’operazione di routine con il coronavirus potrebbe esporre i soccorritori (ma anche lo stesso richiedente) al rischio di contagio. Inoltre, è bene ricordare che uomini e donne del soccorso alpino spesso e volentieri sono già impegnati all’interno degli ospedali per affrontare l’epidemia in prima linea.

 

Chiedere un loro intervento significa distogliere forze ed energie dall’emergenza: sia chiaro qualcuno verrà comunque a salvarvi in ogni caso, ma restare a casa in fondo è un sacrificio accettabile, soprattutto se paragonato a chi dovrà impiegare molto tempo per prepararsi, attivarsi e venire a salvarvi mettendo a repentaglio la propria incolumità.

 

“Nonostante sia difficile rimanere a casa, è importante continuare a farlo per non esporre sé stessi e gli altri a inutili rischi”, questo l’appello che i soccorsi alpini di Alto Adige, Trentino, Tirolo e Veneto hanno voluto rivolgere agli amanti della montagna e degli sport alpini. Per rendere il messaggio più chiaro è anche stato realizzato un video firmato dal team cinematografico Whiteroom Productions e che meglio di ogni altra cosa spiega perché in questo momento è importante rimanere a casa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

26 ottobre - 17:59

Sono stati analizzati 983 tamponi, 113 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi sale a 11,5%. A fronte di un leggero aumento rispetto a ieri dei 104 casi in valore assoluto (5,7%), il dato percentuale è praticamente raddoppiato. Sono 10 le persone in più in ospedale per Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato