Contenuto sponsorizzato

La Dolomiti Energia si rituffa nel campionato, ottavo turno di serie A in trasferta a Pesaro

Dopo il turno di riposo in serie A e la grande vittoria con il Galatasaray in Eurocup i bianconeri tornano in campo in trasferta alla Vitrifrigo Arena dove sabato sera alle 20.30 affronta la Carpegna Prosciutto

Foto di Daniele Montigiani
Pubblicato il - 07 novembre 2019 - 14:24

TRENTO. Dopo il turno di riposo in serie A e la vittoria a Istanbul in Eurocup, Aquila Basket nuovamente sul parquet per l'ottavo turno di campionato. I bianconeri attesi a Pesaro alle 20.30 di sabato 9 novembre. Si ricomincia dalla prestazione concentrata e cinica, attenta in difesa contro una delle migliori squadre d'Europa e capace di resistere anche sotto i tabelloni nella lotta a rimbalzo contro gli atleti di coach Erdogan.

 

La Dolomiti Energia riparte da questa solida base, la rimonta del secondo tempo nasce soprattutto da una ritrovata fluidità offensiva che ha permesso ai bianconeri di segnare 55 punti nei 20' conclusivi del match mettendo il ritmo tutti i propri attaccanti di riferimento.

 

Anche se orfana di Alessandro Gentile, la Dolomiti Energia ha messo in mostra giocate e produttività offensiva fuori e dentro l'area, sfruttando al meglio le fiammate in sequenza di James BlackmonJustin Knox e poi di capitan Toto Forray. A fare da collante nei 40', l'usuale leadership di Aaron Craft (10 punti e 11 assist, massimo in stagione), l'energia di Rashard Kelly (10 punti molto pesanti), la difesa di un ottimo George King, i tiri cruciali di Fabio Mian e Andrea Mezzanotte in due momenti molto diversi della partita.

 

La Pesaro che Trento affronterà sabato sera è abbastanza diversa da quella contro cui i bianconeri si sono confrontati nella semifinale del Memorial Brusinelli di inizio settembre in preseason: la Dolomiti Energia quel precedente, seppur poco significativo, lo ha vinto 76-64, ma la Carpegna Prosciutto ha aggiunto al proprio arsenale offensivo uno dei migliori realizzatori dell'intera Serie A, quel Clint Chapman che viaggia a quasi 19 punti di media in campionato.

 

Il centrone americano forma con il talento senza freni di Jaylen Barford un perfetto duetto di qualità e forza fisica che rappresenta il cuore dell'attacco marchigiano. Pur essendo ancora inchiodati all'ultimo posto in graduatoria, i ragazzi di coach Federico Perego nelle ultime uscite sono stati capaci di mettere in difficoltà squadre importanti su campi caldissimi, in particolare Brindisi e Treviso.

 

Grande attesa anche per l'ex della partita, James Blackmon, che lo scorso anno alla prima esperienza europea ha chiuso la stagione alla VL a quasi 20 punti di media ed è stato uno degli artefici della salvezza dei marchigiani.

 

Nove su dieci. Questo il bilancio delle vittorie dei bianconeri contro Pesaro nei primi cinque anni di serie A della Dolomiti Energia: l'unica sconfitta con i marchigiani è arrivata proprio all'Adriatic Arena il 9 marzo 2016, con vittoria dei padroni di casa per 79-72. Protagonista Trevor Lacey con 23 punti, il migliore realizzatore di Trento era stato Toto Forray con 16 e tre assist a referto.

 

Da allora, solo gioie (sei vittorie consecutive) per i trentini contro la VL, l'ultima delle quali arrivata alla Blm Group Arena di Trento nella scorsa primavera quando a chiudere i conti del match terminato 81-76 ci pensò un Devyn Marble da 22 punti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato