Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, ok ai vaccini somministrati dai medici di base. Si comincia con gli over 80, ma bisognerà attendere le dosi AstraZeneca

La Provincia di Trento ha recepito l'accordo firmato con i sindacati di categoria che permetterà, non appena arrivati i vaccini AstraZeneca, ai medici di medicina generale di vaccinare i propri associati o quelli dei colleghi. Si parte con gli over80

Pubblicato il - 22 gennaio 2021 - 13:32

TRENTO. E' stato recepito dalla giunta l'accordo firmato lo scorso 12 gennaio da parte della Provincia e dei sindacati di categoria: appena possibile, anche i medici di medicina generale, potranno effettuare le vaccinazioni anti-Covid ai propri assistiti o agli assisti dei medici appartenenti alla stessa forma associativa.

 

“Prosegue l'impegno preciso di questo esecutivo, di concerto con l'azienda sanitaria, nell'ambito della somministrazione del vaccino anti-Covid – ha dichiarato l'assessora alla Salute Stefania Segnana – in base all'accordo sottoscritto saranno coinvolti i medici di famiglia e, compatibilmente con la dotazione di vaccini che saranno disponibili, stiamo individuando il cronoprogramma per la somministrazione delle dosi secondo i criteri di priorità indicati dal governo. Il provvedimento ci consentirà di garantire una maggiore copertura vaccinale, in attuazione del Piano strategico e in coerenza con gli obiettivi nazionali, in particolare nei confronti di alcune fasce di popolazione considerate più a rischio”.

 

Per poter cominciare, si dovrà però attendere la disponibilità del vaccino AstraZeneca o simili, in quanto di più facile uso per la medicina territoriale, non richiedendo una conservazione estremamente fredda come nel caso del vaccino Pfizer, attualmente in uso in tutta Italia. In base all'accordo, i medici di assistenza primaria potranno effettuare le vaccinazioni contro il Covid-19 comunicando all'Apss la propria disponibilità a collaborare alla campagna di vaccinazione e dichiarando di essersi già sottoposti alla prima dose di vaccino.

 

I medici effettueranno le vaccinazioni secondo una tabella di marcia stabilita nelle priorità dall'Apss, che trasmetterà l'elenco degli assistiti da sottoporre a vaccino. Nella prima fase saranno vaccinate le persone di età superiore agli 80 anni. I medici potranno effettuare le vaccinazioni anche ad assistiti di altri medici appartenenti alla stessa forma associativa, sia nei propri studi che a domicilio.

 

Le vaccinazioni verranno registrate tramite l'applicativo indicato dall'Azienda. Questa, sempre secondo l'accordo, potrà coinvolgere anche i medici di continuità assistenziale disponibili in orario diurno, i medici dell'emergenza sanitaria territoriale e i medici Usa.

 

Sul fronte vaccini, nondimeno, il Trentino non sta proprio vivendo una fase molto florida. Oltre al rallentamento provocato dal taglio del 60% delle dosi Pfizer destinate alla provincia, nella giornata di giovedì 21 gennaio il nostro giornale ha fatto emergere l'incredibile errore commesso a Rovereto, dove ad alcuni sanitari è stata inoculata una soluzione fisiologica (QUI l'articolo). Da parte sua, l'Azienda sanitaria si è giustificata, dicendo di aver già risolto la questione dopo l'individuazione di 12 operatori a cui era stata appunto iniettata una soluzione diversa dal vaccino. “Non c'è alcun rischio per le persone coinvolte”, hanno rassicurato (QUI l'articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato