Contenuto sponsorizzato

Attentato alla sede della Lega di Ala, indagini a tutto campo. I frammenti della bomba inviati al Ris di Parma

Si segue la pista anarchica. Al setaccio le immagini delle telecamere pubbliche e private. L'esplosione è avvenuta attorno alle 2.20 della notte fra venerdì e sabato 

Pubblicato il - 15 October 2018 - 08:58

ALA. Stanno andando avanti senza sosta le indagini delle forze dell'ordine sull'attentato che alle due di notte di sabato ha colpito la sede della Lega ad Ala, poche ore prima che il ministro dell'Interno Matteo Salvini arrivasse in Trentino. (QUI L'ARTICOLO)

 

Gli elementi raccolti fino ad oggi indicano la strada dell'"azione di matrice anarchica". Davanti alla sede colpita dall'attentato è stata trovata scritta con vernice nera la frase “Ancora fischia il vento”,  tratta dal testo di una conosciuta canzone partigiana già usata dagli antagonisti altre volte per firmare le proprie azioni. Ci sono poi i movimenti di alcuni anarchici che erano stati notati il giorno prima in paese.

La notizia dell'attentato è comparsa proprio oggi anche in un portale web che riporta notizie della “galassia antiautoritaria

 

Le indagini, come già detto, stanno proseguendo. I Ris di Parma avranno il compito di analizzare gli elementi raccolti e, fra le altre corse, anche i pezzi di esplosivo che sono stati ritrovati davanti alla sede.

 

Si stanno studiando anche le immagini delle telecamere sia quelle pubbliche, istallate dal Comune di Ala, che quelle private.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

02 December - 18:59

Dopo il distretto di Feltre, anche nel resto della provincia di Belluno è arrivata l’Unità speciale di continuità assistenziale, un team di 11 medici che si occupano di seguire i pazienti Covid nelle loro abitazioni, attraverso visite e consulti a distanza. Questo servizio permetterà di alleggerire il lavoro dei medici di famiglia e, dall’altra, assicurerà una minore pressione sugli ospedali

02 December - 17:56

Sono stati analizzati 3.705 tamponi, 278 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,5%. Aumenta il numero delle persone ricoverate in ospedale, così come quello in terapia intensiva

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato