Contenuto sponsorizzato

Grillo: ''Non credete ai cambiamenti climatici, gli alberi abbattuti tutti uguali, sembrano dell'Ikea''. E' polemica: ''Indecente, un pagliaccio''

Il presidente della Provincia di Belluno: "Preferisco non commentare. Impegnati a ripartire". De Menech: "Si stima siano caduti 14 milioni di alberi, ci sono ancora centinaia di famiglie sfollate e decine di migliaia di persone senza acqua potabile e senza energia elettrica e un pagliaccio che è anche capo politico del primo partito italiano si permette di prenderci in giro"

Di Luca Andreazza - 11 novembre 2018 - 19:25

TRENTO. "Cambiamenti climatici? Non credeteci. Ho visto le foto del bellunese, alberi caduti tutti uguali, pareva l'Ikea. La verità è che le catastrofi sono il nostro Pil, costruiamo e ricostruiamo", queste le parole di Beppe Grillo dal palco di Jesolo tra ironie e sospetti.

 

Una battuta, ma del politico o del comico? C'è infatti un problema, Grillo non è più un comico puro, è pur sempre il padre del Movimento 5 stelle e così non si capisce dove inizia la battuta, il complottismo o l'offesa. Un confine sottile. E già si era scottato al Circo Massimo di Roma, quando aveva chiamato in causa autismo e Asperger. Anche in quel caso, tantissime le polemiche (Qui articolo).

 

Da genovese avrebbe potuto giocare in casa e prendere come esempio il Ponte Morandi. Invece in casa (d'altri) si è buttato su quel bellunese che ancora oggi, come il Trentino, affronta l'emergenza. Province che non hanno praticamente mai dormito e si sono rimboccate le maniche fin da subito per rialzarsi. Ferite sì, ma pronte a ripartire.

 

"Una battuta che non è commentabile. Lascio ai cittadini valutare queste parole", risponde Roberto Padrinpresidente della Provincia di Belluno, che però tradisce l'amarezza nella voce e aggiunge "Da sindaco di Longarone non posso paragonare l'ondata di maltempo al Vajont: la carica, anche emotiva, di quella disgrazia non penso abbia eguali. Ma questo evento è peggiore dell'alluvione del 1966 per la vastità territoriale". 

 

 

La Provincia di Belluno riparte. "La fase emergenziale è conclusa - dice Padrin - anche se permangono alcune situazioni davvero delicate nell'Alto Agrodino, come Rocca Pietore e Taibon Agordino, che in breve tempo è passato da un devastante incendio all'alluvione. Siamo in piena attività per ripristinare tantissime criticità prima dell'inverno: strade, reti di protezione e messa in sicurezza del suolo".

 

A questo si aggiungono la rete elettrica e acquedottistica. "Serve un ragionamento serio sul futuro. Questo evento - prosegue il presidente - deve essere uno spartiacque. Un'ondata di maltempo eccezionale, ma nel 2018 non è possibile avere problemi di reti elettriche e telefoniche saltate, intere zone isolate senza acqua e luce. Si deve intervenire perché in caso di fattori particolari, queste disagi non possano più capitare".  

 

Non le manda a dire anche Roger De Menech, deputato bellunese del Pd e già nel comitato del Fondo dei comuni confinanti. "Grillo è semplicemente indecente. Un clown, direbbero gli inglesi - commenta su Facebook - un pagliaccio. Sono arrabbiato e indignato per le prese in giro ai bellunesi arrivate dal capo del Movimento 5 stelle".

 

Un ondata di maltempo che portato morti, abitazioni e infrastrutture danneggiate, ma anche disastro ambientale e paesaggistico. La conta dei danni in Trentino è di 300 milioni di euro, mentre nel bellunese si parte da un miliardo.

 

"Solo nel bellunese - conclude De Menech - si stima siano caduti 14 milioni di alberi, ci sono ancora centinaia di famiglie sfollate e decine di migliaia di persone senza acqua potabile e senza energia elettrica e un pagliaccio che è anche capo politico del primo partito italiano si permette di prenderci in giro, di negare i cambiamenti climatici e addirittura di ipotizzare un complotto? Se avesse un minimo di dignità dovrebbe chiedere immediatamente scusa e devolvere alle popolazioni disastrate dal maltempo di questi giorni i milioni che guadagna con i suoi spettacoli in cui si permette di dileggiare chi è stato colpito dal maltempo". 

 

 

Clicca qui per sostenere il Dolomiti

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 06:01

Dopo la decisa presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil ma anche quella dell'Upt, duri i consiglieri provinciali dopo che l'assessora Stefania Segnana è intervenuta per scaricare (ancora una volta) le responsabilità sui medici e ha attaccato il presidente Marco Ioppi

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato