Contenuto sponsorizzato

Lucia Maestri alla guida del Pd: ''Siamo l'unico partito davvero democratico, ora lavorare uniti''. Dal Ri: ''Grande partecipazione, questa è la vittoria''

La neo segreteria del Partito democratico rilancia l'alleanza di centrosinistra autonomista: "Ci sono spazi per dialogare con il Patt, si può ripartire da lì, ma dobbiamo parlare anche con cooperazione, solidarietà sociale e volontariato: condividono i nostri valori alternativi alla Lega"

Di Luca Andreazza e Giuseppe Fin - 04 marzo 2019 - 01:37

TRENTO. "Il Pd c'èun baluardo della democrazia. Siamo contenti per la partecipazione al voto. L'unico partito davvero democratico è il nostro: se penso alla piattaforma Rousseau con 50 mila voti in tutta Italia (Qui articolo) contro i quasi due milioni per le nostre primarie", queste le parole di Lucia Maestri che si appresta a prendere le redini del Pd nel ruolo di segretaria.

 

Una domenica contrassegnata da lunghe code in Trentino e i dem provano a rilanciarsi (Qui articolo). A livello nazionale è Nicola Zingaretti, governatore del Lazio, a raccogliere il testimone da Maurizio Martina, mentre alle nostre latitudini l'ex consigliera provinciale, Lucia Maestri, succede a Giuliano Muzio.

 

"Un risultato importante - commenta la neo segretaria - il risultato di una squadra che rappresenta competenze diffuse. Ora ricominciamo, dobbiamo camminiamo insieme. Questa partecipazione è un valore da capitalizzare. Un'ulteriore testimonianza di fiducia: ora dobbiamo andare avanti in modo unitario e saper interpretare i valori istituzionali e politici".

 

Il dato parla di un milione e 800 mila elettori in Italia (11.091 in Trentino) e oltre 10 mila, 10.749 per la precisione (10.247 alle primarie dell'aprile 2017), per la nomina del segretario provinciale. In 1.639 hanno votato a Pergine, in 1.107 nelle valli del Noce e Rotaliana, in 449 nelle Giudicarie, in 1.016 nell'Alto Garda e Ledro. In 2.327 e 4.211 rispettivamente a Rovereto e Trento. "Il risultato più importante è l'affluenza - dice Alessandro Dal Ri - ora si lavora insieme per il partito".

Dopo un lungo testa a testa, l'ex assessora del Comune di Trento è riuscita a staccare il rivale, Alessandro Dal Ri, di quasi quattro punti percentuali. Un Pd che si vuole ricostruire e ripartire dopo le due batoste tra elezioni politiche e provinciali, senza dimenticare il referendum che segnò la caduta di Matteo Renzi

Un Partito democratico che vuole ripartire dai giovani. "Non c'è nessuna contrapposizione e dobbiamo tenere insieme le anime. I giovani - prosegue la neo segretaria - sono nel nostro partito: sono la linfa della nostra assemblea. Dobbiamo investire e farli crescere: sono il nostro futuro".

 

Ora il Pd strizza l'occhio alle Stelle alpine anche in vista di Europee e suppletive, vuole guardare al futuro e provare a ricucire i rapporti con il Patt. "Credo che ci siano spazi. E' uno schema - conclude Maestri - che abbiamo vissuto fino al 2018, si deve riprende il percorso e ricostruire l'alleanza. Si può ripartire da lì ma non è esaustivo. Dobbiamo rapportarci con la cooperazione, la solidarietà sociale e il volontariato, condividere quella piattaforma di valori alternativa alla Lega".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 19:14

La discussione è stata avviata nella Quinta Commissione in Provincia ma il tema era già nato lo scorso anno. Claudio Cia ha presentato un disegno di legge per fare in modo che la scelta del presidente dell'Opera Universitaria ricada in capo solo alla Provincia. Appoggio da parte dell'assessore Bisesti ma è già scontro con le opposizioni  

27 novembre - 08:10

La richiesta arrivata nel 2012 ha permesso ad una società di accedere ai contribuiti di un finanziamento del Fondo europeo di sviluppo regionale. Dovevano essere rispettati dei vincoli ma le indagini della Finanza hanno scoperto che la società non ha mai avuto una sede sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato