Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, a Cembra tutto è partito da una festa di laurea. Ora il paese costretto a un ''regime speciale'' tra divieti, restrizioni e raccomandazioni

Non si chiudono le scuole o le attività, ma c'è un'attenzione particolarmente alta per i prossimi 14 giorni. Il boom nelle infezioni da coronavirus è partito dopo una festa di laurea, poi altri casi nel coro parrocchiale e una continua crescita del contagio. ORDINANZA ALL'INTERNO

Di Luca Andreazza - 09 ottobre 2020 - 19:31

CEMBRA LISIGNAGO. Da una festa di laurea alle regole più stringenti. E' arrivata l'ordinanza della Provincia per cercare di circoscrivere il contagio a Cembra Lisignago. Non è un lockdown ma il provvedimento prevede diverse limitazioni per arginare una situazione difficile sul territorio cembrano. 

 

Non si chiudono le scuole o le attività, ma c'è un'attenzione particolarmente alta per i prossimi 14 giorni (Qui articolo). La scintilla di un boom nelle infezioni da coronavirus è scattata dopo una festa di laurea.

 

La guardia in quel caso si è evidentemente abbassata. Un momento difficile a livello di prevenzione e sono iniziati a emergere i primi casi. Poi sono stati identificati alcuni contagi anche all'interno del coro parrocchiale. E che la situazione non fosse semplice in val di Cembra si è capito quando la società calcistica del Giovo si è assunto una responsabilità importante e ha giocato d'anticipo: stop alle attività sportive per la stagione 2020/21 e ritiro dal campionato di Seconda categoria (Qui articolo). 

 

Dall'inizio di settembre sono stati individuati 69 casi per un tasso di infezione del 2,90% (si sale a 3,50% se si considera il dato da inizio epidemia), tanto che le autorità sanitarie hanno iniziato a monitorare da vicino la situazione. 

 

I test hanno però continuato a evidenziare altri contagi e così si è tenuto un vertice al Centro operativo comunale: un incontro tra la sindaca Alessandra Ferrazza, la Protezione civile e l'ex primo cittadino Zanotelli, quindi la riunione tra la Provincia e l'Azienda provinciale per i servizi sanitari. La decisione è quella di prevedere una serie di misure per isolare il contagio e evitare che si possa ulteriormente diffondere anche in altri territori circostanti. La richiesta delle autorità è quella della massima collaborazione e responsabilità.

 

"Un andamento epidemiologico che preoccupa - dice la sindaca Ferrazza - ma siamo ottimisti sulla capacità della popolazione di rispettare obblighi e raccomandazione per garantire la sicurezza, in particolare proteggere gli anziani le paese. Già prima dell'ordinanza i cittadini hanno iniziato a comportarsi in modo prudente. La speranza è quella di invertire la tendenza del contagio quanto prima".

 

L'ordinanza: 

Divieti

- Contingentamento a numero massimo di 6 persone partecipanti a feste private, anche successive a cerimonie civili e religiose, e con il rispetto tassativo delle misure generali di prevenzione (uso mascherina, distanziamento sociale e disinfezione costante delle mani). Per le cerimonie civili e religiose continuano ad osservarsi i provvedimenti tuttora vigenti secondo i protocolli provinciali di settore.
Chiusura entro le ore 24 di tutte le attività di ristorazione (a titolo esemplificativo pub, bar, ristoranti, pizzerie ecc.).
Divieto di incontro, oltre il numero massimo 6 persone, in tutti i luoghi pubblici.
- Divieto di accesso alle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali per visite a parenti o conoscenti ricoverati, ovvero accesso regolamentato, in casi eccezionali e all'esito di autorizzazione scritta da parte del responsabile sanitario della struttura di ricovero.
Divieto per le persone residenti e domiciliati nel comune di frequentare, su tutto il territorio provinciale, luoghi sia al chiuso che all'aperto ove si svolgono attività di natura sportiva, comprese palestre, scuole di ballo e altri luoghi di natura similare, ad eccezione degli atleti di interesse nazionale. 

 

Obblighi

Contingentamento a massimo 4 avventori per tavolo in tutte le attività di ristorazione, nel rispetto di tutte le altre misure vigenti secondo i protocolli provinciali di settore.
- Possibilità di accedere agli uffici aperti al pubblico esclusivamente previo appuntamento e con onere da parte del titolare dell’ufficio di conservare l’elenco scritto delle persone che hanno avuto accesso in ufficio per un periodo di 14 giorni.
- All'esterno degli uffici vige l’obbligo di esporre un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente, in rapporto alla dimensione dei locali e nel rispetto del distanziamento sociale.

 

Raccomandazioni

- Favorire il lavoro agile, laddove praticabile, nei luoghi di lavoro pubblici o privati con sede sul territorio comunale.
- Relativamente alle persone con i più di 70 anni, limitare i contatti sociali esclusivamente alle sole strette convivenze o ai soggetti che si prendono cura della loro persona.
- Si raccomanda di sospendere, ovvero limitare ai casi strettamente necessari, le attività sociali.
- Si raccomanda di frequentare in via prioritaria, ove possibile, i pubblici esercizi posti all'interno del territorio comunale.
- Si raccomanda agli studenti e ai lavoratori pendolari che si rechino fuori del territorio comunale di limitare gli spostamenti al solo tragitto casa- scuola/università o casa-lavoro, prestando particolare attenzione al rispetto delle norme sul distanziamento sociale.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

22 ottobre - 18:07
Sono stati analizzati 1.231 tamponi, tutti letti dal laboratorio di microbiologia dell'ospedale Santa Chiara di Trento, 153 i test positivi. Il rapporto contagi/tamponi si alza a 12,4%. E' stata sospesa l'attività di verifica tamponi ai laboratori della Fondazione Mach a causa dell'infezione che è arrivata nella struttura di San Michele
22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato