Contenuto sponsorizzato

Verso un'unica Strada del vino, dei formaggi e delle mele. La fusione è sul tavolo della Pat. Antoniolli: ''Ragionamento aperto ma iter ancora lungo''

Fuori dalla discussione sembra esserci la "Strada dei fiori". Abbozzata nel 2016 dalla Giunta precedente in collaborazione con l'Associazione floricoltori trentini per valorizzare i prodotti dei floricoltori trentini sembra essersi un po' arenata. La strada del vino sulla Trento turistica: "I fatti possono aiutare a cambiare status. Si deve discutere per rientrare tra i Comuni che possono aprire"

Di Luca Andreazza - 06 luglio 2020 - 21:42

TRENTO. Un'unica "strada", si va verso una fusione tra quella "del vino", "dei formaggi delle Dolomiti" e "delle mele". Un unico ente mentre si affaccia alla ribalta, seppur a fatica e con tempi di gestazione particolarmente lunghi, quella "dei fiori". E' pronto o quasi un emendamento in Provincia che dovrebbe portare a unificare tutte queste realtà all'interno di un solo progetto, una discussione che potrebbe consumarsi già mercoledì 8 luglio in piazza Dante.

 

"Siamo ancora a livello di proposta - commenta Francesco Antoniolli, presidente della strada del vino e dei sapori - una fase embrionale e si ragiona in questo senso da prima dell'emergenza coronavirus. Il futuro potrebbe essere quello di un unico soggetto in grado di far convergere e valorizzare tutte le potenzialità. Una modifica alla legge è necessaria perché il turismo è cambiato, così come le nostre associazioni e le nostre esperienze".

 

E' indubbio che il comparto legato all'enogastronomia negli ultimi anni si sia rafforzato come motivazione di vacanza. E negli ultimi 9 anni la "Strada del vino e dei sapori" è reduce da diverse fusioni per catalizzare tutte le energie. Istituite nel 2011, il primo lifting è del 2013 e da 7 enti si è passati nel tempo alla formula attuale, mentre ora ci potrebbe essere l'evoluzione finale: una sola entità per "Vino, formaggi delle Dolomiti e delle mele".

 

"Il confronto con la Provincia è aperto ma l'iter è lungo. E' fondamentale - aggiunge il numero uno della strada del vino - riuscire a mantenere un legame forte con il territorio che rappresentiamo: noi abbiamo circa 350 soci che vogliamo coinvolgere in questa scelta, numeri simili per le altre realtà, così come ci sono i diversi Consigli di amministrazione da interessare. Sono ancora diversi comunque gli aspetti da approfondire. Oltre alla legge sono importanti i regolamenti attuativi per scendere nei particolari e migliorare il sistema".

 

Fuori dalla discussione sembra esserci la "Strada dei fiori". Abbozzata nel 2016 dalla Giunta precedente in collaborazione con l'Associazione floricoltori trentini per valorizzare i prodotti dei floricoltori trentini sembra essersi un po' arenata. Messa grossomodo alla porta, anche se effettivamente stenta (e non poco) a completare le procedure per definire il proprio statuto e quindi entrare in funzione. Magari però i vertici in pectore potrebbero comunque essere ascoltati in commissione, disponibilità che non sembra nell'agenda provinciale.

 

"Creare un unico soggetto e far nascere un'altra associazione esterna è un'azione da valutare. I rapporti sono buoni e non c'è nessuna preclusione verso i vivaisti - prosegue Antoniolli - anche se operativamente si deve capire quale può essere la mission di questa realtà e un ingresso potrebbe avvenire per gradi. Le tre strade attualmente rappresentano una fetta importante dei settori turismo e agricoltura".

 

Il numero uno della Strada del vino e dei sapori è inoltre vice presidente del Coordinamento nazionale delle Strade del vino, dell’olio e dei sapori (Qui articolo). "I risultati portano responsabilità e onori. Il progetto trentino - evidenzia Antoniolli - si è affermato, spinto anche dalla capacità di unificare tutte le Strade presenti all'epoca. Non si smette mai di crescere e anche in questo periodo complicato per il lockdown, le nostre aziende sono state tra le prime a muoversi per trovare un modo di reggere l'urto e non smettere di lavorare".

 

In ballo c'è anche la riforma sul turismo e l'istituzione delle Agenzie (Ata) tra Trentino Marketing e le Aziende per il turismo. E qui sembra emergere però una contraddizione: un'unica strada legata giocoforza al prodotto mentre le Ata sono in questo momento più vincolate all'idea di territorio. Una sola strada che dovrebbe rapportarsi a 4 enti, salvo che pure queste nuove realtà intermedie virino sulla valorizzazione del prodotto in modo da snellire un po' tutto. Resta da capire anche se convenga mantenere le Strade o se sia più ottimale cercare di far confluire queste forze nelle Aziende per il turismo, se non creare un Ata ad hoc.

 

Nel frattempo il presidente della strada del vino è anche nel consiglio d'amministrazione dell'Azienda per il turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e il capoluogo non è considerato turistico (Qui articolo). "Un ragionamento deve essere portato avanti. La legge può essere modificata e ci sono carte importanti da giocare, i fatti possono aiutare a cambiare status. E' necessario fare rete e lavorare con tutti per essere efficaci", conclude Antoniolli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 31 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 agosto - 19:19

Un week-end da sold out a Braies e turisti accalcati nel percorrere il sentiero che segue l'argine del lago. "Il parcheggio era praticamente pieno già molto presto, ho pagato 6 euro ma arrivata all'ingresso del percorso mi sono decisa a tornare a casa senza vedere nulla. Non ci sono le garanzie di sicurezza"

03 agosto - 18:05

Complessivamente il Trentino sale a 5.603 casi e resta a 470 decessi da inizio emergenza. Sono 5.033 i guariti. Il virologo del Cibio: "Il coronavirus non è cambiato ma abbiamo imparato a controllare la diffusione attraverso il distanziamento sociale e alle precauzioni messe in atto"

03 agosto - 18:53

Grave incidente, questo pomeriggio, sulla strada 244, in Val Badia. Nelle vicinanze di Pederoa due auto si sono scontrate frontalmente causando il ferimento di 6 persone. Tra di loro anche un bambino, gravemente lesionato e elitrasportato d'urgenza a Bolzano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato