Contenuto sponsorizzato

Residenza Fersina, c’è l’accordo per la chiusura: si torna all’accoglienza diffusa. Astalli: “Ripristinato un processo virtuoso per un lavoro di integrazione più mirato”

Firmato l’accordo fra Pat, sindacati, Croce Rossa e gli enti dell’accoglienza, la residenza Fersina verso la chiusura entro settembre. Canestrini di Astalli: “Le grandi strutture sono un modello che va abbandonato perché non portano inclusione e integrazione”

Di Tiziano Grottolo - 01 luglio 2021 - 06:01

TRENTO. È passato quasi un anno da quando la Giunta leghista, tramite una delibera, aveva annunciato la volontà di chiudere la residenza Fersina, all’intero della quale potevano essere ospitati fino a 250 richiedenti asilo. Un processo lungo, in certi casi drammatico, come a dicembre 2020, quando nel bel mezzo di un’imponente nevicata 13 persone vennero espulse e sbattute in mezzo alla strada. Non sono mancate nemmeno le battute d’arresto come denunciarono i religiosi dell’accoglienza che tuonarono contro la Giunta per gli “impegni disattesi senza preavviso”.

 

Nella serata di ieri, 30 giugno, è finalmente arrivata la fumata bianca che dovrebbe mettere la parola fine a un modello di accoglienza sbagliato e dispendioso. Una modello fortemente voluto dalla giunta Fugatti che decise di smantellare la ridistribuzione diffusa per accentrare i richiedenti asilo nelle grandi strutture del capoluogo, fra cui la più rappresentativa per dimensioni e nome è proprio la residenza Fersina. Provincia, sindacati, Croce Rossa (che attualmente gestisce la struttura) e gli enti che operano all’interno del progetto “Una comunità Intera” (Arcidiocesi di Trento, Centro Astalli, Fondazione Comunità solidale, Atas Onlus, Casa Padre Angelo, Villaggio del fanciullo e Villa Sant’Ignazio) hanno sottoscritto un accordo che prevede di ripristinare i trasferimenti dalla prima alla seconda accoglienza.

 

“Con l’accordo è stato raggiunto un importante obiettivo – commenta Stefano Canestrini, coordinatore del Centro Astalli Trento – le circa 140 persone attualmente ospitate alla residenza Fersina saranno assegnate ad altri progetti di accoglienza già attivi sul territorio”. In altre parole i migranti saranno gradualmente trasferiti verso progetti di accoglienza diffusa che già esistono, anche se non ne saranno attivati di nuovi. Un processo che era stato interrotto a inizio anno quando erano ripresi gli arrivi e perché non si era riusciti a trovare la quadra per la firma del complesso accordo.

 

Per gli enti dell’accoglienza si tratta di una vittoria: “Ora possiamo tornare a ragionare su un modello di accoglienza diffusa – prosegue Canestrini – basato sui piccoli numeri e non sulle grandi strutture. Significa puntare su un’accoglienza e su luoghi più confacenti per le persone”. Senza la disponibilità degli enti per la Giunta sarebbe stato impossibile chiudere la residenza Fersina, invece grazie alle realtà dell’accoglienza è stata trovata una soluzione: “I grandi centri di accoglienza sono un modello che va abbandonato perché non porta inclusione e integrazione”.

 

Con l’accordo sono stai salvaguardati anche i livelli occupazionali, quattro persone che attualmente lavorano per la Croce Rossa all’interno della struttura (che continuerà a gestire la residenza Fersina) saranno assunte da Astalli e Atas, le altre rimarranno a lavorare nel progetto che avrebbe dovuto concludersi a settembre.

 

È proprio per la fine dell’estate che la residenza Ferisina dovrebbe chiudere i battenti, entro settembre tutti i richiedenti asilo dovrebbero essere trasferiti verso l’accoglienza diffusa. “Per noi è un passo verso la chiusura definitiva della struttura – conclude Canestrini – ma eventuali nuovi arrivi o l’evoluzione dei fenomeni migratori non ci permettono di parlare in termini perentori. Quello che possiamo dire però è che con questo accordo è stato ripristinato un processo virtuoso in favore dell’accoglienza diffusa che permette un lavoro di integrazione più mirato”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 settembre - 20:13
Trovati 26 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 19 guarigioni. Sono 20 i pazienti in ospedale, di cui 1 ricoverato in [...]
Cronaca
16 settembre - 20:26
I dati pubblicati da Fondazione Gimbe confermano l'efficacia dei vaccini nel ridurre decessi (96,3%), ricoveri ordinari (93,4%) e in terapia [...]
Cultura
16 settembre - 20:50
Durante il periodo estivo il presidente del Centro di cultura fotografica di Trento, Adriano Frisanco, insieme alla sua équipe, ha raccolto il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato