Contenuto sponsorizzato

Magliette e borse: il negozio ''Al Regalin'' devolve il ricavato della vendita per i boschi trentini

L'idea di Alice e Lorenzo: gadget per sostenere la rinascita delle foreste. I titolari dell'esercizio: ''A ottobre, nel primo anniversario, faremo una donazione al fondo provinciale Calamità Trentino 2018''

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 12 aprile 2019 - 20:26

TRENTO. "Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce". E silenzioso ma grande, come lo sono spesso la solidarietà e il volontariato in Trentino, è il progetto di cui le parole di Lao Tzu sono lo slogan. Parliamo di "Foresta nel cuore", l'iniziativa lanciata dal negozio "Al Regalin" per festeggiare i primi cinque anni di attività e sostenere le zone colpite dal maltempo di ottobre (quiqui e qui alcuni articoli).

 

A spiegare il progetto è Alice, titolare assieme a Lorenzo del negozio di via Travai: ""Al Regalin" compie cinque anni. Diversi nostri clienti hanno rifugi, malghe e alberghi anche nelle zone colpite dal maltempo. L'idea del progetto "Foresta nel cuore" è nata parlando con loro. Abbiamo usato i soldi che avevamo tenuto da parte per la festa: abbiamo creato una grafica, delle magliette (da donna, unisex e da bambino) e shopping bag dedicate alle foreste trentine e al progetto. Devolveremo il ricavato della vendita al fondo provinciale Calamità Trentino 2018 tramite i vigili del fuoco di Aldeno, a garanzia della trasparenza del progetto".


Foto tratta da Facebook
Foto tratta da Facebook

Con dieci euro è dunque possibile acquistare uno dei gadget, ideati con il disegno di una sezione di tronco d'albero a forma di cuore e la scritta di Lao Tzu, per sostenere l'iniziativa.

 

"Il fondo provinciale sarà chiuso a novembre - racconta Alice - noi termineremo il progetto il 28 ottobre, nel primo anniversario del maltempo. Abbiamo iniziato da un mesetto (il 15 marzo, ndr) e le richieste sono già state diverse. Abbiamo spedito anche alcuni gadget a Venezia, nelle Marche, a Roma e in Sardegna. Insomma, "Foresta nel cuore" sta prendendo piede. Cerchiamo poi di farci accogliere con una bancarella anche nelle sagre di paese".

 

Le magliette e le borse, dunque, si possono acquistare sia allo stand nelle feste, sia prenotandole via Facebook (pagando i costi di spedizione), sia in negozio. Ma Alice e Lorenzo si stanno attivando per cercare dei punti di ordino e ritiro in tutto il territorio trentino, in modo da poter facilitare l'acquisto. E i numeri confermano che il progetto è ben avviato: "Finora abbiamo venduto 250 pezzi, parliamo di circa 500 euro da donare - spiega la titolare - Ogni dieci euro, infatti, due vanno alla causa. Con gli altri si ripaga una parte delle spese. I costi sono elevati e otto euro non bastano, ma è beneficenza, è giusto che anche noi ci mettiamo del nostro".


Foto tratta da Facebook
Foto tratta da Facebook

Ma come è nata l'idea? "Sono un'amante della montagna - dice Alice - e mi ha molto colpito vedere gli abbattimenti nelle nostre foreste, soprattutto in quella dei violini. Perciò abbiamo pensato di fare qualcosa per le foreste ed è nato "Foresta nel cuore". Non abbiamo scelto un'associazione a cui appoggiarci per fare la donazione per non preferire una realtà a un'altra e non schierarci come negozio. Poi così sarà la Provincia a scegliere e i soldi andranno dove ce n'è bisogno".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 11:54

Il 13 novembre l'ultimo episodio con la ragazza finita in ospedale per una frattura composta dell’orbita oculare. All'arrivo degli agenti della polizia la giovane ha cominciato a raccontare cosa sono stati i 4 anni passati con quel 39enne imprenditore agricolo trentino ed è scattata la denuncia

03 dicembre - 11:43

Crescono i numeri del contagio in Alto Adige. Nelle ultime 24 ore i positivi sono stati 460 (sommando i 374 dei molecolari e gli 86 con gli antigenici), 16 i decessi. Anche negli ospedali la situazione continua a essere critica: 280 i ricoverati nelle strutture pubbliche, 148 in quelle private e 35 in terapia intensiva

02 dicembre - 19:20

L'uomo è residente nel feltrino. L'episodio è avvenuto nel 2018 e dopo essere stato individuato è stato portato in tribunale. Nelle scorse ore la condanna 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
segui, commenta e partecipa alle discussioni relative al tema.
vota le proposte di altri utenti o proponi le tue idee.
Contenuto sponsorizzato