Contenuto sponsorizzato
Attualità

Una cerimonia per salutare insieme Tom Arent van de Plassche

Venerdì 17 maggio, dalle 15.00 ci incontriamo per salutarlo insieme alla Sala del Commiato presso il cimitero di Trento

Di Redazione | 15 maggio | 16:46
Questo articolo si rispecchia nei nove punti del Manifesto,
di cui il Comitato scientifico dell’AltraMontagna è garante.

Carissime amiche e carissimi amici di Tom,

la sua famiglia e le persone a lui più vicine hanno scelto di ricordarlo venerdì 17 maggio, dalle 15.00: "Ci incontriamo per salutarlo insieme alla Sala del Commiato presso il cimitero di Trento".

 

 

Il nostro Tom è volato via.

 

Tom Arent van de Plassche.

 

Venerdì 17 maggio, dalle 15.00 ci incontriamo per salutarlo insieme alla Sala del Commiato presso il cimitero di Trento. 

 

Dopo la cerimonia ci riuniremo da Uva&Menta per ricordarlo e celebrare la sua vita.

 

Chi lo desidera potrà portare con sé un fiore selvatico per Tom.

 

Per contribuire in altro modo vi invitiamo a fare una donazione al Soccorso Alpino.

 

 

Sarà un momento collettivo per rivolgere un pensiero a una persona che, con la sua delicatezza, ha lasciato una traccia nella memoria di molti. Un sentiero che tanti, ognuno a suo modo, continueranno a percorrere.


SOSTIENICI CON
UNA DONAZIONE
Contenuto sponsorizzato
recenti
Cultura
| 23 maggio | 09:00
Giovedì 23 e venerdì 24 maggio l'università della Sorbona di Parigi ospiterà un convegno internazionale dedicato allo scrittore asiaghese e intitolato: "La questione ecologica nell'opera di Mario Rigoni Stern all'era dell'antropocene"
Attualità
| 23 maggio | 06:00
Con il Bollettino Ufficiale della Regione Veneto, n°65 del 21/05/2024, è stato ufficializzata la bozza d'accordo per l'utilizzo dei Fondi di Confine per la "la gestione, promozione e valorizzazione post olimpica dello sliding center", stimati in circa 1,5 milioni di Euro l'anno. Il comune ampezzano risulta sollevato dai costi di gestione, che ricadranno sul Fondo di Confine, sulla FISI e sulla FISIP
Alpinismo
| 22 maggio | 19:23
Ossigeno supplementare, sherpa e anche qualche selfie stick che spunta fra alpinisti in coda. Sono centinaia le persone che stanno tentando la salita al "tetto del mondo" e sui social il racconto di grandi scalatori come Krzyzowski, mostra non soltanto una realtà che fa rabbrividire, ma anche la preoccupazione per una montagna sempre più presa d'assalto: "Durante un soccorso ha potuto constatare l'indifferenza della massa degli 'imbombolati', che non si sono 'commossi' per le pessime condizioni di un alpinista"
Contenuto sponsorizzato