Contenuto sponsorizzato

La Pat stanzia un milione di euro per favorire la didattica a distanza: ''In settimana forniremo alle scuole le indicazioni''

Questa la decisione della Provincia per far fronte alle esigenze emerse a seguito della temporanea sospensione delle attività didattiche per il contenimento dell’emergenza da Covid-19. Sono stati diversi, infatti, i problemi emersi in queste settimane di blocco per contrastare l'epidemia

Di Luca Andreazza - 02 aprile 2020 - 11:46

TRENTO. "Un milione di euro per l’acquisto di dotazioni informatiche individuali per l’apprendimento in modalità Fad, la didattica a distanza, da destinare agli studenti del secondo ciclo del sistema educativo trentino con particolare riferimento agli studenti meno abbienti". Così l'assessore Mirko Bisesti che aggiunge: "Questo stanziamento è previsto per favorire e soprattutto garantire il diritto all’istruzione nell’attuale situazione di emergenza".

 

Questa la decisione della Provincia per far fronte alle esigenze emerse a seguito della temporanea sospensione delle attività didattiche per il contenimento dell’emergenza da Covid-19. Sono stati diversi, infatti, i problemi emersi in queste settimane di blocco per contrastare l'epidemia.

 

Le maggiori criticità ci sono, soprattutto, a livello di scuola primaria di primo grado (le elementari per intenderci). Se, infatti, alle superiori i ragazzi e le ragazze sono più autonomi e autonome quindi capaci di ''arrangiarsi'' (anche se non è vero per tutti e i supporti tecnici possono restare un problema: non in tutte le case ci sono diversi pc o tablet e anche la connessione internet non per tutti è all'altezza di lezioni in streaming o di file pesanti da scaricare) alle elementari i bambini e le bambine necessitano di essere accompagnati passo dopo passo nel loro percorso di apprendimento e scoperta.

 

Abbiamo parlato con un papà della Valsugana e una mamma di Trento e le problematiche emerse sono le stesse. In entrambi i nuclei familiari, con i bambini in casa che devono seguire il percorso scolastico, ci è stato riferito che è praticamente impossibile per i genitori, contemporaneamente, lavorare ricorrendo allo smart working.

 

La ''didattica online'', infatti, in molti casi si riduce a delle mail inviate a casa con compiti e obiettivi da raggiungere giornalmente o, addirittura, settimanalmente rimessi totalmente all'autonomia degli studenti e quindi, per bambini così piccoli, all'impegno dei genitori (che in molti casi si stanno scoprendo non in grado di sostituirsi a professionisti con decenni di esperienza). 

 

Ci sono, poi, scuole più attrezzate descritte quasi fossero un sogno, oggi, dai genitori: c'è Mezzolombardo, per esempio, che da sempre ha spinto sulla didattica online e quindi oggi è preparatissima. Ma ce ne sono moltissime che non sono in queste condizioni (Qui articolo). 

 

"Per anticipare i tempi - aggiunge l'assessore - già entro questa settimana saranno fornite alle scuole le indicazioni in merito ai finanziamenti assegnati e alle modalità di acquisto delle dotazioni informatiche. Il provvedimento ufficiale sarà adottato con la Giunta della prossima settimana, prevista prima della Pasqua".

 

Per gli istituti del primo ciclo sono già in corso assegnazioni analoghe tramite Fondazione Caritro (Qui articolo) e Trentino Digitale, a breve saranno messi a disposizione anche i fondi del Pon. "Nel minor tempo possibile siamo riusciti a rispondere a quest’emergenza. Ringrazio il dirigente generale Roberto Ceccato e la sovrintendente Viviana Sbardella ma, soprattutto, vorrei ringraziare tutto il dipartimento e l’assessorato. Non era scontato in questi giorni di difficoltà ma abbiamo dimostrato, lavorando duramente, di poter arrivare a questo obiettivo che mi ero prefisso. Un altro importante risultato concreto per aiutare il mondo della scuola", conclude Bisesti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 20:37

Sono 252 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 23 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

26 gennaio - 18:51

Cgil, Cisl e Uil: “Mentre in altre realtà si adottavano misure più restrittive per contenere l’avanzata del virus tra la popolazione e mettere in sicurezza il sistema sanitario, il presidente Fugatti nascondeva i dati, preferendo puntare il dito contro i 'presunti virologi' e ignorando l’allarme che arrivava dai medici in prima linea"

26 gennaio - 18:14
Nelle ultime 24 ore sono state comunicate anche 114 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 15 dimissioni e 197 guarigioni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato