Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, ''Il Green pass penalizza come al solito la montagna''. Ma quando era stata la Pat a disporre misure ''simili'' allora andava bene?

Nelle scorse ore il governo ha presentato le prime misure contenute nel nuovo decreto per fronteggiare questa fase dell'emergenza Covid. Il Green pass sarà obbligatorio per entrare nei ristoranti al chiuso per attestare di aver ricevuto la prima dose di vaccino. Failoni: "Nel nostro trentino rischiamo di avere ristoranti e bar in difficoltà"

Di Luca Andreazza - 23 luglio 2021 - 16:19

TRENTO. "L’obbligo del Green pass per accedere ai ristoranti e ai bar per mangiare seduti al chiuso come al solito penalizza la montagna". Questa la nota dell'assessore Roberto Failoni."Perché noi, nel nostro territorio trentino, come nelle altre località alpine, dobbiamo considerare che abbiamo temperature serali più rigide. Basta un temporale e diventa difficile mangiare fuori. Rischiamo dunque di avere ristoranti e bar che vanno in grande difficoltà".

 

Nelle scorse ore il governo ha presentato le prime misure contenute nel nuovo decreto per fronteggiare questa fase dell'emergenza Covid. Qui si inserisce il Green pass, la certificazione verde dal 6 agosto sarà obbligatorio per entrare nei ristoranti al chiuso per attestare di aver ricevuto la prima dose di vaccino.

 

Senza Green pass si potrà accedere ai ristoranti al chiuso solo con un tampone negativo fatto almeno 48 ore prima o con la certificazione che certifica di essere guariti dal coronavirus. Le stesse norme si applicheranno a piscine, palestre, cinema e teatri

 

I contenuti sono stati illustrati alle Regioni, in videoconferenza, dai ministri Mariastella Gelmini (Affari regionali e autonomie) e Roberto Speranza (Salute) ai rappresentanti delle Regioni e delle Province autonome e ai sindaci. La cabina di regia aveva esaminato le istanze presentate nei giorni scorsi dalla Conferenza delle Regioni presieduta da Massimiliano Fedriga.

 

Una presa di posizione dell'assessore Failoni quando una delibera della Provincia nella primavera scorsa consentiva a bar e ristoranti di poter accogliere i clienti all'aperto in quella fase dell'emergenza. E se gli esercenti di Trento Rovereto, così come alcuni centri più grandi, avevano avuto la possibilità di lavorare, la situazione era più difficile per le aree più a vocazione turistica. Una decisione che aveva scatenato la rabbia degli esercenti di montagna (Qui articolo).

 

La necessità del Green pass (oppure tampone negativo a 48 ore o guarigione negli ultimi 6 mesi) viene introdotta da un lato per spingere la campagna vaccinale e dall'altro per "dare più serenità e non dover chiudere". Un provvedimento preso anche a causa della forza di propagazione della variante Delta (Qui articolo). Una curva del contagio che appare in crescita anche in Trentino, tanto che due hotel sono stati temporaneamente chiusi per la diffusione di Covid (Qui articolo).

 

A questo si aggiunge che la Pat dall'oggi al domani l'ingresso con il Green pass per eventi e spettacoli nei cinema e nei teatri, salvo poi dover tornare indietro in fretta per l'opposizione di oltre 50 amministrazioni comunali (Qui articolo). Insomma, senza ricordare gli annunci di apertura degli impianti sciistici per tutto l'inverno, dopo aver chiuso i negozi e i centri commerciali la domenica e nei festivi l'estate scorsa, norma poi bocciata dalla Corte costituzionale (Qui articolo), e aver consentito la consumazione all'aperto a pranzo in primavera, l'assessore sembra preferire come sempre gli slogan.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 settembre - 23:07
L'affluenza si attesta al 15,58% degli aventi diritto. Non è stato raggiunto il quorum. La partecipazione si è fermata distante dal 40% [...]
Cronaca
26 settembre - 19:52
L'allerta è scattata sulla bretella che collega Rovereto e Villa Lagarina. Il motociclista è finito a terra, scivolando per diversi metri [...]
Cronaca
26 settembre - 19:45
Trovati 16 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 48 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato