Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige scuola in presenza solo per chi si sottopone ai test anti-covid. Vettorato: ''Non condivido il metodo discriminante''

Con la nuova ordinanza di Kompatscher ora Bolzano ripercorre l'esempio dell'Austria, dove i test sono obbligatori per chi segue le lezioni in presenza. Chi non aderisce resta in Dad. Diverse critiche nelle ultime ore, Urzì: ''Immorale allontanare da scuola chi non fa il tampone"

Di GF - 21 March 2021 - 09:23

BOLZANO. E' polemica a Bolzano in merito a una delle misure che sono contenute nell'ultima ordinanza firmata dal presidente della Provincia, Arno Kompatscher. (Qui l'articolo)

 

A partire da mercoledì 7 aprile, infatti, nelle scuole elementari e medie è prevista la ripartenza delle lezioni in presenza. Queste, però, saranno garantite per coloro che parteciperanno al progetto sperimentale di screening dell’Azienda sanitaria. Coloro che non parteciperanno allo screening potranno continuare a seguire le attività didattiche e scolastiche in modalità a distanza.

 

Il progetto dei test a scuola in via sperimentale aveva preso il via ad inizio di marzo con gli autotest antigenici nasali in 11 scuole elementari di lingua tedesca e in 3 di lingua ladina. scettica è stata la posizione espressa dalla Scuola italiana. (Qui l'articolo)

 

In particolare, a trovare contrari i sindacati e l'assessorato è la possibilità che a svolgere i test siano gli insegnanti, a cui si chiede di farlo volontariamente. “Scaricare la responsabilità sui docenti è una pretesa senza senso. La Provincia dia maggiori chiarimenti”, aveva dichiarato a il Dolomiti il referente per la scuola di Cgil-Agb Stefano Fidenti.

 

Dopo un lungo tira e molla, però, tra i sindacati e la Provincia, l'accordo tra la Sovrintendenza, l'assessorato all'Istruzione e l'Azienda sanitaria è stato concluso positivamente e i test sono partiti anche nelle scuole italiane. (Qui l'articolo)

 

Con la nuova ordinanza di Kompatscher ora Bolzano ripercorre l'esempio dell'Austria, dove i test sono obbligatori per chi segue le lezioni in presenza. Chi non aderisce resta in Dad.

 

La decisione proprio in queste ore sta portando diverse critiche, l'obbligo di test per frequentare in presenza viene visto come un intervento discriminante. Ad esprimersi contrario è il vicepresidente della Provincia Autonoma di Bolzano e assessore alla Scuola Italiana, Cultura italiana, Formazione professionale, Ambiente, Energia, Giuliano Vettorato. “In merito alla nuova ordinanza provinciale – spiega in un post su Facebook - ci tengo a ribadire che ho sempre lavorato per una scuola sicura e condivido l'obiettivo comune di utilizzare gli strumenti a nostra disposizione per raggiungerlo. Non condivido però il metodo con il quale è stata intrapresa questa iniziativa sullo screening. I test devono essere un’opportunità, non una discriminante”.

Commento questo condiviso anche da Christian Bianchi, sindaco di Lainev che parla di “Un po’ di arroganza in questa decisione” scrive sempre su Facebook. “Se vuoi andare a scuola devi sottoporti all’autotest. Così non va”.

 

Duro anche il commento del consigliere provinciale di Fratelli d'Italia, Alessandro Urzì che spiega essere “immorale allontanare da scuola chi non fa il tampone”. La discriminazione fra bambini e la violenza dell’esclusione fisica del loro accesso a scuola, spiega Urzì “Avrà una portata gravissima oltre a mettere in difficoltà la gestione delle lezioni a distanza in parallelo a quelle fisiche”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'11 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 May - 19:18
Trovati 44 positivi, comunicati 2 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 69 guarigioni. Sono 848 i casi attivi sul territorio [...]
Politica
11 May - 18:31
Bocciata dalla Corte Costituzionale la norma voluta dalla Lega del Trentino e attaccata duramente dall'opposizione. Il Pd: "Noi da sempre contrari, [...]
Cronaca
10 May - 17:29
Fino al 30 giugno è possibile presentare la domanda online per ottenere uno dei 25 alloggi a canone moderato nella Circoscrizione di Gardolo. Sul [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato