Contenuto sponsorizzato

Le Dolomiti Bellunesi a Sanremo anche con i soldi ''trentini'', Gottardi: ''Discutere dell'attualità di questi Fondi''. Padrin: ''Attività approvate da Comitato paritetico''

La polemica è legata all'iniziativa del Bellunese, presente a Casa Sanremo, anche con risorse attinte dal Fondo dei Comuni confinanti. L'assessore Gottardi: "Meccanismo da rivedere, soprattutto se si parla di Autonomia differenziata". Il presidente della Provincia di Belluno, Padrin: "Ci sono norme e criteri per l'utilizzo di queste risorse​"

Di Luca Andreazza - 07 febbraio 2023 - 19:05

TRENTO. "Pur consapevole che la norma è nazionale, ribadisco la necessità di discutere dell'attualità di questi fondi in senso assoluto". A dirlo l'assessore Mattia Gottardi. "E' sempre più urgente e prioritario ridefinire i criteri di utilizzo di queste risorse". La polemica è legata all'iniziativa del Bellunese, presente a Casa Sanremo per promuovere e veicolare i prodotti del territorio e il tessuto economico ma anche le strade del Giro d'Italia e quei panorami protagonisti nella produzione dei film (Qui articolo).

 

Un piano strutturato nell'arco dei 7 giorni del Festival della canzone italiana messo in campo anche con le risorse del Fondo dei Comuni confinanti, un "tesoretto" al quale contribuiscono annualmente, e da legge, con 80 milioni il Trentino e l'Alto Adige; il Bellunese e gli altri territori poi possono disporre di queste risorse come ritengono più opportuno. Queste risorse sono a disposizione dei vicini nell'ambito dell'Accordo di Milano e del Patto di stabilità. Anni delle bordate all'autonomia e un periodo nel quale i territori di confine avevano iniziato a chiedere di poter trasferirsi in provincia di Trento e di Bolzano. 

 

Così è stato definito un Fondo con una norma costituzionale che rientra nello Statuto trentino per calmare le acque e sopperire al gap infrastrutturale di 48 Comuni confinanti in Provincia di BellunoBresciaVicenza Sondrio. Un meccanismo inserito nella finanziaria del 2010 e chiarito nel 2014 per un intervento da 40 milioni dal Trentino e altrettanti dall'Alto Adige: ogni anno vengono distribuiti 500 mila euro in quota fissa più altri investimenti.

 

Insomma, il ricorso a questo fondo per promuovere le Dolomiti Bellunesi è legittimo e in accordo con le normative. Ma il Trentino storce il naso per un uso che può sembrare distorto di queste risorse. Soprattutto in questa fase di bilanci sempre più stretti e con il rischio di trovarsi nella contraddizione che i territori di confine possono avere a disposizione più soldi rispetto ai Comuni trentini (Qui articolo). 

 

"Il Fondo è regolato da una norma nazionale - dice Gottardi - ma ci sono varie partite aperte e diverse trattative con lo Stato, come gettiti arretrati, saldi in ordine al patto di Milano e di Stabilità, e così via. Si rende sempre urgente e prioritario ridefinire i criteri di utilizzo di queste risorse". 

 

Già negli scorsi mesi, si è ipotizzato di rivedere questo strumento (Qui articolo). Naturalmente i vicini hanno levato gli scudi a difesa del Fondo e anche il ministro Roberto Calderoli è apparso, almeno in una prima fase, piuttosto tiepido sull'intervenire in materia (Qui articolo). Ma il Trentino preme per una ridefinizione degli accordi e del meccanismo, soprattutto se dovesse prendere quota l'idea dell'Autonomia differenziata. Il ddl in questo è stato approvato dal governo Meloni negli scorsi giorni, ma il percorso è tutto in salita e l'iter si annuncia lungo e insidioso, difficile arrivare a questo traguardo, almeno in tempi rapidi. 

 

"Parallelamente all’iter del ddl Autonomia differenziata, che significherebbe maggiore responsabilità e autogoverno per i territori coinvolti, si dovrà discutere dell’attualità di questo Fondo in senso assoluto", continua Gottardi. "E' evidente che maggiore Autonomia alle Regioni ordinarie dovrà tradursi anche in finanza locale e in priorità sugli investimenti sui Comuni confinanti in maniera diretta e non solo utilizzando questo meccanismo".

 

A intervenire per provare a gettare acqua sul fuoco è il presidente della Provincia di Belluno. "Non voglio fare polemiche - dice a Il Dolomiti Roberto Padrin - ma ci sono norme e criteri per l'utilizzo di queste risorse. E' tutto chiaro e regolamentato, tutto è condiviso attraverso il Comitato paritetico con sede a Trento e che vede la nostra partecipazione con quella di Trentino, Alto Adige e Lombardia".

 

Tutto viene discusso in anticipo. "Le scelte dei territori sono proposte, discusse e approvate dal Comitato paritetico che autorizza gli interventi, compresi quelli di marketing territoriale per promuovere le Dolomiti Bellunesi", conclude Padrin.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 aprile - 16:56
Uno schianto terribile che è avvenuto sulla strada provinciale 235 fra Zambana e Nave San Rocco. Inutili i tentativi di rianimazione del [...]
Cronaca
17 aprile - 15:40
Non si escludono soprattutto dal pomeriggio sera di oggi, al pomeriggio sera di domani e nella notte tra venerdì e sabato potranno si possano [...]
Cronaca
17 aprile - 15:12
I vignaioli trentini sono al padiglione 8, tra gli spazi (stipati) della Fivi. Una presenza trentina molto rappresentativa. Tanti i presenti, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato