Contenuto sponsorizzato
Attualità

(IL VIDEO) Luciana Littizzetto a Che tempo che fa: "Zaia non la fare la pista da bob a Cortina, non far monade"

Nel consueto monologo settimanale a Che tempo che fa, la trasmissione condotta da Fabio Fazio in onda ogni domenica su Canale Nove, Luciana Littizzetto si è rivolta a Luca Zaia esortandolo a non proseguire i lavori per la realizzazione per la pista da bob di Cortina: "118 milioni di euro, ci costa, 118 che non a caso è il numero delle emergenze. Ora con 118 milioni mi vengono in mente un sacco di altre cose che si potrebbero fare invece che far sfrecciare gente dentro dei tubi. Si potrebbero usare per la sanità, per non dover aspettare otto mesi una tac, o per riparare le scuole che cadono a pezzi, per esempio"

Di Redazione | 10 marzo | 22:49
Questo articolo si rispecchia nei nove punti del Manifesto,
di cui il Comitato scientifico dell’AltraMontagna è garante.

Nel consueto monologo settimanale a Che tempo che fa, la trasmissione condotta da Fabio Fazio in onda ogni domenica su Canale Nove, Luciana Littizzetto si è rivolta a Luca Zaia esortandolo a non proseguire i lavori per la realizzazione per la pista da bob di Cortina.

 

"Attento toso, perché stai per fare una boiata, come si dice dalle vostre parti. Non la fare la pista da bob, non la far, non far monade, non stare a sentir Salvini che pur di far girare le ruspe farebbe piste dappertutto".

 

"Di pista ne abbiamo già una, a Cesana, un intestino di cemento armato usato una volta diciott'anni fa e lasciato marcire, un acquafan senz'acqua e senza neanche un fan".

 

"(...) Perché ne volete fare un'altra a Cortina? Per usarla quanto? Anche questa una volta?"

 

"118 milioni di euro, ci costa, 118 che non a caso è il numero delle emergenze. Ora con 118 milioni mi vengono in mente un sacco di altre cose che si potrebbero fare invece che far sfrecciare gente dentro dei tubi. Si potrebbero usare per la sanità, per non dover aspettare otto mesi una tac, o per riparare le scuole che cadono a pezzi, per esempio"

 

"Senza contare - prosegue Littizzetto - che per questa pista verranno tagliati centinaia di alberi".

 

"Se il bob fosse uno sport di massa, cioè se l'Italia fosse conosciuta nel mondo come il paese della pizza, del mandolino e del bob, tutto sto casino forse avrebbe un senso. Se migliaia di bobbisti si accalcassero ogni fine settimana sull'impianto si potrebbe anche capire un investimento così importante. Ma sai quanti sono gli atleti italiani di questo sport? 35 (58 n.d.r.), cioè ci sono assemblee di condominio più numerose. E meno male che il governo Meloni era contro la cementificazione".

 

"Quindi Luca Zaia - conclude - ti prego, di' di no. Lo so che hai le mani legate, e non per niente fai parte della Lega, e lo so che è lui, è sempre lui che ha sempre 'ste idee grandiose, fantasmagoriche, e il ponte sullo stretto, e la pista a Cortina, (...) Matteo se fai la pista da bob che interessa 35 persone, fai anche un piazzale nel parco del Gran Paradiso per gli appassionati di tiro alla fune, mi dicono che son quasi 600. Zaia, noi contiamo su di te: fermalo tu Luca, o dimmi almeno che non sarà sprecata come opera, (...) dimmi almeno che dopo le Olimpiadi sarà smantellata e rimontata a Messina sopra al ponte sullo stretto, così lo facciamo contento e può prendere i pescispada al volo mentre ci passa".

 

 

 

 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un post condiviso da Luciana Littizzetto (@lucianinalittizzetto)

 

SOSTIENICI CON
UNA DONAZIONE
recenti
Ambiente
| 13 aprile | 19:00
Dati drammatici sulla perdita della precipitazione nevosa arrivano dalle Valli del Verbano, in Provincia di Varese, dove il Centro Geofisico Prealpino studia gli effetti del riscaldamento globale. Ma la Comunità Montana locale ha un piano per rispondere a questi mutamenti: "Per affrontare il cambiamento bisogna raccogliere informazioni, tutelare la natura e coinvolgere la popolazione. Noi lo facciamo con il progetto Bosco Clima"
Alpinismo
| 13 aprile | 18:00
Il tema del numero di vette di ottomila metri crea da tempo dibattito all'interno della comunità di alpinisti, e si declina anche in una discussione su cosa si intenda per "montagna" e per "vetta". Dopo anni di analisi e discussioni, la Federazione Internazionale di Alpinismo e Arrampicata (Uiaa) presenta la sua posizione ufficiale
Attualità
| 13 aprile | 17:19
Oggi a Cortina una nuova manifestazione di protesta contro la pista da bob più discussa di sempre. Il consigliere regionale del Pd Andrea Zanoni: ''La risposta all’accesso atti che ho fatto in Regione per verificare l’autorizzazione alla deforestazione è stata a dir poco vergognosa: mi hanno trasmesso l’autorizzazione della riduzione forestale, indicando l’area della superficie pari a 19.980 metri quadri priva però dell’ubicazione, ovvero dell’indicazione dei mappali sui quali è stato fatto il disboscamento''
Contenuto sponsorizzato