Contenuto sponsorizzato

David Angeli è il nuovo sindaco di Cavedine, a Madruzzo riconfermato Michele Bortoli

A Madruzzo ha vinto il sindaco uscente Michele Bortoli che ha battuto nettamente l’avversaria che in campagna elettorale aveva ricevuto la visita dello stato maggiore leghista. A Cavedine vince David Angeli con il 55,06% dei voti

Di T.G. - 22 settembre 2020 - 15:45

CAVEDINE. Con il 55,06% David Angeli è stato eletto sindaco di Cavedine (1.110 voti), superando in scioltezza l’avversaria Maria Ceschini che si è fermata al 44,94% (906 voti). Il candidato di “Nuove prospettive” è riuscito a mettersi alle spalle le polemiche sulla visita di alcuni esponenti leghisti, fra cui il presidente della Pat Maurizio Fugatti (QUI articolo).

 

Anche se lui stesso aveva affermato che non si trattava di un evento elettorale ma solo di un incontro per parlare di un problema, con alcuni edifici rurali, “crediamo fortemente nel dialogo con tutte le forze politiche”, aveva detto. Ad ogni modo Angeli si è affermato nettamente e per i prossimi 5 anni guiderà Cavedine. L’affluenza si è fermata al 66,77%.

 

MADRUZZO. Destino inverso per l’altra candidata che aveva ricevuto la visita di Fugatti e parte dello stato maggiore leghista Maria Bruna Chistè che è stata superata dal sindaco uscente Michele Bortoli, 49 anni e architetto.

 

La sfida si è conclusa nettamente in favore del primo cittadino uscente che ha raccolto il 60,32% dei consensi a fronte del 39,68% ottenuto da Chisté. L’affluenza è stata del 70,71%.

 

Percentuali bulgare per Mattia Hauser a Mezzocorona (Qui articolo). Riconferme anche a Mori per Stefano Barozzi (Qui articolo), Rinaldo Maffei a Nomi Mauro Chiodega Pelugo (Qui articolo). Via libera a Alberto Perli a Andalo (Qui articolo) e Christian Perenzoni a Brentonico (Qui articolo) e Gianni Morandi a Nago-Torbole (Qui articolo). 

 

Vignola Falesina è stato eletto Mirko Gadler, mentre Valerio Pederiva è il primo cittadino a Soraga (Qui articolo), Norman Masè a Massimeno (Qui articolo), Fausto Castelnuovo a Mazzin (Qui articolo), Giovanna Chiarani a Drena (Qui articolo), Franco Moar a Palù del Fersina (Qui articolo), Lorenzo Moltrer a Fierozzo Leonardo Ceccato a Cinte Tesino (Qui articolo) e Andrea Giampiccolo a Samone (Qui articolo), Fulvio Bonfanti Nogaredo Arturo Gasperotti a Pomarolo (Qui articolo).

 

E ancora Matteo Sartori a Molveno Edy Licciardiello a Ospedaletto (Qui articolo) e Rosalba Sighel a Sover (Qui articolo), Alida Cramerotti a Aldeno (Qui articolo), Giorgio Mario Tognolli Nicoletta Trentinaglia rispettivamente a Bieno Carzano (Qui articolo), Daniele Maestranzi a Giustino (Qui articolo) e Fabio Zambotti a Comano (Qui articolo), Graziano Luzzi a Isera (Qui articolo) e Nicola Zontini Storo (Qui articolo).

 

Eletti primi cittadini Daniela Campestrin a Torcegno (Qui articolo), Ketty Pellizzari a Valdaone (Qui articolo), Nicoletta Aloisi Fiavè (Qui articolo), Giuliano Pozzatti a Bresimo (Qui articolo), Alberto Kostner a Moena (Qui articolo).

 

Clamorose sconfitte invece per Franco Panizza, uscito ridimensionato da Daniele Biada a Campodenno (Qui articolo), mentre l'ex consigliere provinciale Giacomo Bezzi è stato superato da Laura Marinelli (Qui articolo). 

 

Nella giornata di ieri, ancor prima della chiusura delle urne molti i primi cittadini che hanno potuto festeggiare: candidati unici che sono riusciti a raggiungere il quorum per farsi eleggere e evitare il commissariamento (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 14:22

Si è verificato un violentissimo tamponamento tra un furgone e un autoarticolato lungo la corsia di marcia. In azione la macchina dei soccorsi, ma le ferite riportate nello schianto si sono rivelate fatali

28 ottobre - 10:49

Il presidente della Lega trentina attacca Governo “politici che fanno schifo” e sindacati “parassiti”. L’unico che si salva è Fugatti “che con coraggio e senso di responsabilità corregge il dogma di Conte dalle braghe onte”. La replica di Grosselli: “Un commento? Non serve. Bastano i dati dell’epidemia e la curva stimata qualora le misure non dovessero risultare efficaci”

28 ottobre - 11:18

L'episodio è avvenuto intorno alle 10 di ieri, martedì 27 ottobre, quando una pattuglia della Polstrada di Bolzano è riuscita a intercettare e prontamente fermare una guida estremamente pericolosa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato